12 ottobre
25 gennaio
2019/2020

ENRICO MINGUZZI
ANTINOMIA

F. BABONI / S. TADDEI

Sabato 12 ottobre, in occasione della Giornata del Contemporaneo, si inaugura alle ore 17 presso il Museo di San Domenico di Imola e alle ore 18.30 presso Il Pomo da DaMo Contemporary Art Gallery Antinomia, mostra personale di Enrico Minguzzi.

Il titolo Antinomia rimanda ai concetti di contrapposizione e contraddizione che l’artista indaga attraverso il tema del paesaggio. Il progetto espositivo presenta la più recente produzione di Minguzzi e gli esiti dell’incontro con il patrimonio del Museo imolese, costruendo un percorso che parte dal linguaggio pittorico per approdare alla scultura in 3d. Le opere pittoriche, esposte al piano terra del Museo e presso la Galleria, mostrano una pittura di paesaggio realizzata ad olio che si sovrappone ai fondi monocromi dai colori fluorescenti in resina epossidica, ponendo superficie e supporto in una condizione di dialogo, contrasto e reciproca compensazione. Composizioni apparentemente pacate, ricostruzioni di luoghi impressi nella memoria dell’artista che si riformano sul piano pittorico stabilendo nuove condizioni formali e percettive, nell’idea, come la definisce l’artista, di “disequilibrio perfetto”. Tra i dipinti sarà presente anche una reinterpretazione pittorica della vista satellitare della città di Imola. Ancora un paesaggio antinomia quindi, in cui l’unico luogo reale, riportato in maniera analitica, diviene forma astratta. Le opere scultoree, anch’esse pigmentate con colori fluorescenti, trovano invece spazio all’interno delle vetrine del Museo Scarabelli. Si affiancano ai reperti fossili e ai minerali con cui condividono forme e fattezze, ma nei confronti dei quali si pongono in contrasto in quanto a genesi: sono di fatto mappature sonore, traduzioni tridimensionali di suoni campionati all’esterno del museo. Un paradosso in cui suoni e rumori della quotidianità, facilmente riconoscibili, divengono forme di natura astratta.

Antinomia, a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei, è stata realizzata dai Musei civici del Comune di Imola, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, ed è stata proposta dall’Associazione culturale Il Pomo da DaMo, vincitrice del concorso promosso dai Musei civici Chiamata alle arti! 2017 per la sezione riservata alle Associazioni culturali del territorio imolese.

Domenica 1 dicembre 2019 alle ore 16 si terrà al Museo di San Domenico la presentazione del catalogo Antinomie e a seguire una visita guidata alla mostra condotta dallo stesso artista.

La mostra resterà aperta dal 12 Ottobre 2019 al 26 Gennaio 2020. Enrico Minguzzi (Cotignola 1981)

Dopo aver conseguito il diploma presso il Liceo Artistico di Ravenna, Enrico Minguzzi ha seguito i corsi dell’Accademia di Belle Arti di Bologna dove si è laureato nel 2008. In seguito ha soggiornato per qualche anno a Milano per poi stabilirsi a Bagnacavallo, dove ora vive e lavora. A Milano, nel 2008, ha tenuto la sua prima mostra personale “Liqueforme” presso lo Studio d’Arte Cannaviello cui farà seguito quella del 2011 dal titolo “Decostruzione”. Successivamente ha tenuto mostre personali a Vicenza (2013); al Palazzo Ducale di Pavullo sul Frignano (2014); a Ravenna (2015); a Rimini (2015); al Museo Ugonia di Brisighella (2018) e a Torino (2016-17-18). Nel 2017 ha partecipato al programma di residenza presso Areacreativa 42 (Rivarolo C.se, Torino) dove ha realizzato “P.01”, la sua prima installazione site-specific, ed “Invisibile”, una installazione permanente presso il comune di Valperga (To). Dal 2005 a oggi ha inoltre partecipato a numerose mostre collettive ed ha ottenuto diversi premi e segnalazioni.
  • Privacy Policy